VENERDÍ 18 SETTEMBRE, ORE 19:00 – SARA FRUNER PRESENTA L’ISTANTE LARGO

 

E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE SCRIVENDO ALL’INDIRIZZO: info@libreriarcadia.com

È André Aciman, l’autore degli indimenticabili ‘Chiamami col tuo nome’ e ‘Cercami’ il primo dei testimonial di Sara Fruner, nostra ospite venerdì, in libreria.
Scrive Aciman: “Con una scrittura brillante, tersa e profonda, ‘L’istante largo’ accompagna il lettore in un mondo che vibra di gioventù, dove intuizioni e scoperta generano una lucidità introvabile nella narrativa contemporanea. Fruner è una maga della parola.”
‘L’istante largo’ è stato libro del giorno a Fahrenheit, la celebre trasmissione di RadioTre Rai.
Nel suo romanzo, pubblicato dalla Bollati Boringhieri, Sara Fruner con una scrittura limpida e poetica ci offre una riflessione insieme intensa e lieve sull’imprevedibilità dei legami che ci forgiano. E se gli amori sono rimasti incompiuti, se sono terminati troppo presto, ogni legame spezzato del nostro passato può avere una seconda, inattesa chance, che ci sorprende.
Sara Fruner, nata a Riva del Garda, Sara Fruner si laurea in inglese a Ca’ Foscari, e si specializza in traduzione letteraria dall’inglese all’Istituto Superiore Interpreti e Traduttori di Milano e a Ca’ Foscari.
Per alcuni anni lavora nell’editoria, occupandosi di letteratura postcoloniale e traducendo autori quali Dionne Brand, Monique Truong, Sello Duiker, Don McKay.
Dal 2017 abita a New York, dove è docente di italiano presso la New York University e il Fashion Institute of Technology.
Con la scrittura, ama frequentare cinema, arte, letteratura, e i suoi articoli sono apparsi su «La Voce di New York», «CinematoGraphie», «Magazzino 23», «Brick». Collabora come traduttrice e performer con la Magazzino Italian Art Foundation e il Center for Italian Modern Art. È Professional Member della Authors Guild e delle PEN America Women. In poesia, pratica il bilinguismo: ‘Bitter Bites from Sugar Hills’, la sua prima raccolta in inglese, ha visto la luce nel 2018, ‘Lucciole in palmo alla notte’, la sua prima raccolta in italiano, nel 2019.
L’ingresso sarà consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili: i posti sono distanziati e le misure antiCovid predisposte.