SABATO 2 OTTOBRE, ORE 19:00 – LAURA PIGOZZI PRESENTA “SORELLE” – IN LIBRERIA

Una sorella ci accompagna per tutta la vita: la conosciamo da sempre e il rapporto con le amiche, con i gruppi femminili, ma anche con il partner, eredita molto da questa relazione di odio-amore. Una sorella è il legame più lungo e significativo con l’Altro femminile e con la propria alterità di donna. All’inizio la sentiamo come un’intrusa, eppure è proprio lei che ci spodesta dal trono dell’unicità e fa argine al nostro narcisismo. Possiamo provare una sconfinata gelosia, ma senza di lei non impariamo a far coesistere differenza e uguaglianza, cioè gli assi cartesiani di ogni progetto di umanizzazione. Anche quando il rapporto con una sorella si è dolorosamente reciso, lei resta in noi, come ricordo inconscio di un vincolo fondativo. Un’intensità che si ritrova persino nelle figlie uniche che eleggono l’amica del cuore al posto di sorella. Il legame tra sorelle, strutturale in ogni donna, è uno tra i più intriganti e misteriosi, eppure è anche tra i meno indagati, un punto cieco nelle teorie sulla famiglia. Laura Pigozzi, psicoanalista da sempre attenta alle questioni famigliari, in questo suo saggio accende una luce e, attraverso casi clinici e letterari, di cronaca e cinematografici, ricostruisce uno spaccato unico della sorellanza. Dalla relazione ambigua tra Virginia Woolf e Vanessa Bell, alla cognata del marchese de Sade che amava lo stesso uomo della sorella, dalle gemelle mute alle sorelle assassine, le famose Papin, il testo ci accompagna fino alla proposta di una nuova idea di femminismo, fondato su un legame sororale più forte della dipendenza, libero sia dal plusmaterno che dal ravage e chiarendo definitivamente la loro differenza. Capire il valore di questa figura significa saper costrui-re con lei – che sia una sorella naturale, adottiva o so-ciale – un’alleanza che vada oltre le pericolose simbiosi e sudditanze: se non siamo indipendenti tra noi donne, come potremmo esserlo anche dagli uomini?

Laura Pigozzi è una psicoanalista impegnata a leggere le questioni che riguardano le famiglie, il femminile e la voce alla luce della teoria analitica lacaniana, ha pubblicato con Nottetempo Mio figlio mi adora (2016) e Adolescenza zero (2019), entrambi premiati dalla critica. Con Rizzoli ha pubblicato nel 2020 Troppa famiglia fa male.

A presentarla Alessandro Laghi della Co.E.S.I. (www.associazionecoesi.com ).

Obbligatoria la PRENOTAZIONE, da effettuarsi chiamando lo 0464.755021 o scrivendo a info@libreriarcadia.com ( riceverete sempre una mail di conferma ).L’incontro avverrà nel rispetto delle norme per il contenimento del COVID 19 vigenti al momento.
N.B. Per partecipare all’incontro è previsto un contributo di 3,00€ che sarà interamente rimborsato qualora decidiate di acquistare una copia del libro presentato. Grazie dell’attenzione per il nostro lavoro e per quello dell’autrice e della casa editrice.