LUNEDÌ 20 SETTEMBRE, ORE 19:00 – VANNI BIANCONI PRESENTA “TAMACADAM” – IN LIBRERIA

Scrittore, poeta e traduttore, Vanni Bianconi va alla ricerca di parole ed espressioni inerenti a segreti o quisquilie del paesaggio fisico, linguistico e interiore, le interroga, le traspone da una lingua a un’altra lingua, e scrive negli scarti tra queste.

Nasce così questa raccolta di storie in prima, seconda e terza persona che partono da un luogo e da una parola ricchi di esperienza e significato per indagare gli intricati rapporti tra vita e simbolo, casa e viaggio, appartenenza e spaesamento, lingua madre e traduzione. Perché “una voce”, scrive Bianconi, “non è mai univoca ma è plurale, è voce se è abitata da altre voci”. 

Pronunciati in forma di racconto, i ventuno incantesimi che prendono vita in Tarmacadam riescono a trasformare l’esperienza quotidiana, la parola e il corpo in occasioni di magia e scoperta.

Vanni Bianconi è nato a Locarno nel 1977 e vive a Londra. Dirige il festival di letteratura e traduzione Babel ed è tra i fondatori della rivista letteraria plurilingue Specimen. The Babel Review of Translations. Con Casagrande ha pubblicato tre volumi di poesia: Ora prima (2008), Il passo dell’uomo (2012), Sono due le parole che rimano in ore (2017); con Humboldt Books i saggi narrativi London as a Second Language (2016) e Lucifer Over London: The Loveless House (2018). Le sue poesie sono state tradotte in dodici lingue e pubblicate su riviste e in antologie; le sue raccolte, inoltre, sono state pubblicate in russo, polacco, georgiano e spagnolo messicano. Ha vinto il Premio Schiller, il Premio Marazza per la traduzione di W.H. Auden, il Premio Tirinnanzi, ed è stato finalista al premio European Poet of Freedom 2016. Tarmacadam è il suo esordio narrativo