LUNEDÌ 10 DICEMBRE, ORE 19:00 IL BRACCONIERE, IL ROMANZO DI VALENTINA MUSMECI SULLE PARI OPPORTUNITÀ

In Natura, così come tra gli esseri umani, c’è chi cerca la preda per colpirla, chi combatte il predatore, chi non riconosce un atto predatorio o violento e ne resta vittima.

C’è chi, poi, è predatore di se stesso. L’atteggiamento predatorio è il frutto di una cultura oppressiva che sottomette e sfrutta, senza riconoscere i diritti dell’altro.

La narrazione punta il dito contro il desiderio di possesso e di conquista che lentamente distrugge le relazioni. Un percorso narrativo incalzante che conduce chi legge nell’intreccio fra le tre vite di due donne e un uomo alla ricerca della propria dimensione esistenziale adulta. Bruno, Pia e Diamante sono i protagonisti del romanzo. Attraverso le loro esistenze si delinea la situazione di un’Italia che ancora arranca nel buio dell’assenza di pari opportunità, che non favorisce le separazioni consensuali, che limita l’accesso della donna al mondo del lavoro e che non è in grado di districare il nodo dell’incapacità di relazionarsi in maniera efficace tra uomini e donne.

L’autrice utilizza la metafora della trasformazione della falena, animale che passa dallo stato di bruco strisciante sulla terra a creatura che sa volare, dopo una evoluzione che ne ha trasformato completamente la struttura: la similitudine della trasformazione in falena rappresenta l’acquisizione della capacità di comunicare attraverso i ferormoni: il saper dire di no, la capacità di comunicare con modi e tempi giusti un rifiuto, una proposta di relazione diversa sono elementi indispensabili per una comunicazione efficace.

Per ogni copia venduta l’autrice devolverà 1€ al Progetto FalenaBlu www.falenablu.it che svolge azioni educative e di prevenzione contro la violenza sulle donne. Le violenze in famiglia sono forme di tortura: bambini e adulti pagano un prezzo emozionale straziante che impedisce una crescita armoniosa. L’associazione promuove attività artistiche in favore di donne che si trovano in situazione “evolutiva”.

Valentina Musmeci vive a Trento e insegna inglese. Ha viaggiato in Europa, Africa, Asia e America come giornalista e fotografa freelance. Ha scritto e fotografato per la Rivista del Trekking, L’Adige quotidiano e siti di viaggio. Conduce ricerche sull’attività didattica per bambini in ambito artistico e naturalistico. Ideatrice del progetto artistico di ceramica “Falenablu”, dedicato a donne vittime di violenza, attivo da 6 anni presso il Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, ha fondato l’Associazione omonima che propone inoltre seminari contro la violenza sulle donne.