SABATO 27 FEBBRAIO, ORE 17:30 LA SCIA DEL CURIOSO: Architetture aeree di Uemon Ikeda

SEGNALIBRO ARCADIA ROVERETO

In occasione dell’inaugurazione della Libreria Arcadia di Rovereto, l’artista giapponese Uemon Ikeda presenta un lavoro affascinante e site specific come: “LA SCIA DEL CURIOSO: I NOSTRI PASSI, AMICI MIEI, IMPORTANTI COME GERMOGLI” diretto discendente di altre sue opere pensate per i giardini del Tempio ebraico, Piazza del Campidoglio o la piazza del MAXXI di Roma.

 

Uemon Ikeda è un artista giapponese in costante e precario equilibrio tra la sua affascinante cultura d’origine e quella del suo paese d’adozione: l’Italia; in questa condizione vive la tensione di un nomadismo intellettuale perenne e stimolante. Simonetta Lux, storica d’arte contemporanea, sostiene che Uemon Ikeda non ha ancora trovato un suo “scoglio d’ancoraggio”, naufrago esposto alle correnti. Sarà per questo che l’artista, pur nella sua contemporaneità, può esser definito nell’anima “fluttuante”, proprio come la cultura ukiyo che fiorì nel XVII nelle città di Edo e Kyoto: la parola giapponese, non dimentichiamolo, allude anche a quel ciclo perpetuo di morte e rinascita noto come “mondo della sofferenza”.

L’idea che sottende questo suo lavoro è che l’andare sia un atto artistico e che il cammino da un luogo ad un altro sia generatore di novità e vita. I fili di Uemon sono le scie dei curiosi che percorrono nuove e vecchie strade, nomadi e viandanti che collegano mondi e su questi tracciati crescono e prosperano intelligenze; i fili di Uemon sono gli stessi sentieri battuti da coloro che frequentano le librerie, consapevoli dal poter esser attratti da ciò che non sapevano di non sapere, prima di entrarvi. Non poteva esserci connubio migliore:un artista sospeso tra due mondi, una libreria che vuole esser ritrovo per i lettori di Rovereto come lo è già per quelli di Roma.