DOMENICA 10 DICEMBRE, ORE 18:00 TERRA BRUCIATA, IL CAPOLAVORO DEL MESSICANO EMILIANO MONGE

img_8024

Emiliano Monge è nato a Città del Messico, dove tuttora risiede.
Dopo esser stato giornalista ed editore, ha deciso di dedicarsi esclusivamente alla scrittura. Questo suo “Terra bruciata” si é aggiudicato uno dei più importanti riconoscimenti letterari del Sud America, il Premio Elena Poniatowska.
Dopo “Dimmi come va a finire”, il pamphlet della messicana Valeria Luiselli sui migranti centroamericani che cercano di passare il confine fra Messico e Stati Uniti, abbiamo un altro splendido libro che ci aiuta a conoscere e capire il fenomeno.
Lo pubblica sempre La Nuova Frontiera.
Monge trasforma la violenza – quella dei fatti – non quella gratuita della fiction in letteratura. In letteratura altissima.